Route 66, fortuna e declino del viaggio americano che tutti sogniamo

Pronti per un giro in auto sulla Route 66?


route 66

Profumo d’asfalto, di terra deserta, di cielo azzurro infinito, di strade immortali, di hamburger e di caffè bollente sorseggiato a una tavola calda.


route 66

Il colore della terra del deserto, fiammante e dorata.


Il rosso è il colore della mia anima, perché sono una donna decisa, combattiva, forte e passionale. Chanel n°5 è il profumo che amo perché gelsomino,rosa, muschio si combinano in un boquet provocante per uno stile eterno. La mia musica è il Jazz, perché il bello della vita sta nell’improvvisazione.


route 66

Conosciuta anche “Mother Road”, la madre di tutte le strade d’America è oggi a rischio d’abbandono. Percorsa dal 1926 da viaggiatori, curiosi e sognatori, la Route 66 non è solo il viaggio americano per antonomasia, ma anche un simbolo di libertà e di avventura, di fuga e di evasione, di una vita “on the road”, del mito del viaggio sulle highways americane.

Un simbolo la Route 66 che oggi è tra gli 11 luoghi storici più a rischio del Paese e che l’America intende preservare.route 66

Ma quale storia racconta e quale idea d’America identifica? Con il suo itinerario di 2448 miglia (quasi 4000 km) che da Chicago a Santa Monica attraversa 8 stati (Illinois, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, New Mexico, Arizona e California), la Route 66 è la strada più celebrata nella letteratura e nel cinema e osannata da intere generazioni.

Prima autostrada interamente asfaltata, fu aperta l’11 novembre del 1926 per collegare il Midwest alla California. Per anni è stata la via della fortuna e della fuga dalla povertà, poi dagli anni ’50 è diventata la via del turismo per i vacanzieri diretti a Los Angeles. E’ allora che sono sorti motel, caffè stravaganti, cinema drive-in ed esuberanti insegne neon.

Il declino però non tarda ad arrivare. A parte alcuni tratti panoramici desertici ritenuti degni d’interesse, i viaggiatori cominciano a preferire il nuovo e più  veloce percorso Interstate.

Per riportare la famosa Route agli antichi splendori, potete firmare una petizione online lanciata dal National Trust for Historic Preservation , ma soprattutto potete percorrerla chilometro per chilometro.

route 66

A propositi di viaggi, per chi all’auto preferisce il treno, avete già letto il nostro pezzo sui viaggi in treno più belli di sempre? Scoprite anche i nostri consigli su come essere creativi in viaggio. 

Fonte: Elle Decor

Il rosso è il colore della mia anima, perché sono una donna decisa, combattiva, forte e passionale. Chanel n°5 è il profumo che amo perché gelsomino,rosa, muschio si combinano in un boquet provocante per uno stile eterno. La mia musica è il Jazz, perché il bello della vita sta nell’improvvisazione.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Site Footer