Pagamenti digitali e obbligo del POS per negozi e ristoranti


Profumo di shopping!


Color ottone e tasti rotondi: il fascino vintage degli antichi registratori di cassa


Il mio colore è il verde, come le sfumature del mare e gli occhi che non hanno mai lo stesso colore. Adoro le acque profumate dal tocco leggero e le note di cocco e vaniglia. Quando sono indecisa su che musica ascoltare saltello a ritmo di rock ‘n’ roll.


La carta di credito resta lo strumento di pagamento preferito per lo shopping online, in largo vantaggio sulle app bancarie utilizzate solo nel 24% dei casi. A rilevare questo dato è la survey “Customer experience and payment behaviours in the PSD2 context” realizzata da PwC e Strategy. La ricerca ha fotografato le tendenze relative ai pagamenti digitali a livello europeo, misurando il ricorso agli strumenti tradizionali e innovativi per fare acquisti sul web.

Lo shopping online è una modalità d’acquisto oramai sempre più diffusa che riguarda il 70% dei consumatori europei. Secondo i dati diffusi da Price Waterhouse and Coopers, il 20% dei consumatori acquista sul web almeno cinque articoli al mese, prevalentemente da pc. Nel corso dell’ultimo anno almeno un terzo degli acquirenti avrebbe utilizzato uno strumento di pagamento mobile.

Dalla ricerca è emersa anche la tendenza dei consumatori a essere “multi-bancarizzati”, ovvero titolari di più conti presso diversi istituti. Fa eccezione l’Italia, dove la fedeltà a un unico istituto è confermata nella metà dei casi. Sul fronte dei pagamenti digitali, del resto, l’Italia non appare all’avanguardia rispetto agli altri paesi europei. L’utilizzo del cash continua a essere largamente utilizzato, un po’ per una questione di abitudine un po’ per l’impossibilità di effettuare diversamente la transazione.

A riprova di ciò vi è l’incertezza circa l’obbligo per negozi e ristoranti di accettare il pagamento elettronico. L’obbligo di dotarsi di una postazione POS per il pagamento con bancomat e carta di credito è da anni previsto per legge. Lo scopo è quello di contrastare l’evasione fiscale e allinearsi ai altri paesi europei in tema di moneta elettronica. Nonostante ciò, il quadro sanzionatorio resta ancora poco chiaro, anche alla luce del pronunciamento del Consiglio di Stato in materia.

Tra le questioni più dibattute c’è anche il peso delle commissioni interbancarie applicate alle transazioni via Pos. Indipendentemente dai costi di gestione sostenuti dall’esercente, il consumatore dovrebbe avere comunque – perlomeno linea teorica – il diritto a pagare con bancomat o carta di credito senza vedersi applicare alcun sovrapprezzo.

In tema di strumenti di pagamento innovativi, tra le tendenze destinate ad affermarsi a livello globale ci sono anche i negozi intelligenti senza casse: avete già letto il nostro articolo dedicato?

Il mio colore è il verde, come le sfumature del mare e gli occhi che non hanno mai lo stesso colore. Adoro le acque profumate dal tocco leggero e le note di cocco e vaniglia. Quando sono indecisa su che musica ascoltare saltello a ritmo di rock ‘n’ roll.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Site Footer