Starbucks arriva in Italia con la prima caffetteria a Milano

Se l’amore toglie il sonno, il caffè gli tiene compagnia.


Caffè da passeggio, per godersi l’aroma senza fretta.


Un dessert dal colore invitante: l’accompagnamento perfetto per un buon caffè.


Il mio colore è il verde, come le sfumature del mare e gli occhi che non hanno mai lo stesso colore. Adoro le acque profumate dal tocco leggero e le note di cocco e vaniglia. Quando sono indecisa su che musica ascoltare saltello a ritmo di rock ‘n’ roll.


Era il lontano 1983 quando a Seattle apriva il primo negozio Starbucks. Oggi, a 35 anni di distanza, la mega catena di caffetteria sbarca in Italia, pronta a sfidare – e a flirtare con – la cultura dell’espresso all’italiana. Il primo shop tricolore aprirà in autunno all’ombra della Madonnina: Starbucks sceglie infatti Piazza Cordusio a Milano per la sua prima apertura in Italia.

Per gli estimatori dell’american coffee si tratta di un appuntamento molto atteso. Il mercato italiano è tra i più difficili: la concorrenza sarà molto agguerrita per il colosso americano che vanta oltre 27.000 caffetterie dislocate in ogni parte del pianeta. Il caffè parla italiano per eccellenza e non a caso la mossa è stata a lungo meditata. I consumatori locali sono i più esigenti: di conseguenza, Starbucks punterà sul brand premium Reserve Roastery – sulla scia del format già declinato a Shanghai e Seattle –, sulla torrefazione di qualità e su partnership scelte.

Proprio da Milano, stando al fondatore Howard Schultz, sarebbe originariamente partita l’idea di creare una serie di caffetterie ispirate ai bar italiani. La caffetteria milanese non servirà solo caffè, ma anche aperitivi, prodotti da forno – a marchio Princi – e sfizi selezionati. Come predibile, le candidature degli aspiranti addetti sono state migliaia, in attesa di conoscere i piani della società per le prossime aperture in Italia.

Riuscirà la popolare catena, oltre a richiamare i turisti, a fidelizzare gli amanti del caffè ristretto e i puristi della tazzina? Questo è tutto da dimostrare, ma di certo la potenza mediatica e la notorietà del marchio giocheranno un ruolo importate. Starbucks è un vero e proprio mito nell’immaginario a stelle e strisce e tra le tappe più classiche per chi visita New York: passeggiare tra le sue strade affollate sorseggiando un  frappuccino – guarnito con panna montata, magari – è una sorta di rito. Come insegnano le serie americane, ordinare la propria varietà preferita è un po’ come recitare un mantra!

A Milano, mito americano e stile italiano si incontrano: un po’ come è successo a New York con il Moxy Times Square, locale chic con uno splendido roof bar per il quale LASP System ha realizzato la copertura. Leggete il nostro articolo per scoprire di più!

Il mio colore è il verde, come le sfumature del mare e gli occhi che non hanno mai lo stesso colore. Adoro le acque profumate dal tocco leggero e le note di cocco e vaniglia. Quando sono indecisa su che musica ascoltare saltello a ritmo di rock ‘n’ roll.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Site Footer